Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Politica, Economia&Aziende

Arriva il collegato banche con altri 600 mln alle vittime di BPVi e Veneto Banca: Coviello discute con Simone Bassotto e Franco Conte del nuovo successo per fautori legge 205

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile VicenzaPiù) Martedi 25 Settembre 2018 alle 22:58 | 0 commenti

 

Pubblicato alle 10 circa, aggiornato col video del dibattito alle 22.58. Il primo dibattito su VicenzaPiu.tv tra alcune associazioni di risparmiatori vittime di Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca (tutte sono state invitate a turno) sulla legge 205, dopo la presentazione in esclusiva da parte di VicenzaPiu.com lo scorso 20 agosto della bozza "secretata" del suo decreto attuativo e dopo le battaglie che ne sono seguite da parte delle Associazioni Unite per il Fondo, che quella norma hanno ideato e sostenuto tra mille difficoltà, è stato di ulteriore buon auspicio. 

Dopo i mille ostruzionismi dei seguaci ingannati da don Enrico TortaAndrea Arman e Luigi Ugone, che sono costati mesi di ritardo al suo inizio di attuazione, prima Massimo Bitonci (Lega) poi Alessio Villarosa, (M5S), i due sottosegretari del MEF, ne hanno annunciato la partenza con una dotazione incrementata di 600 milioni nel primo anno e con le risorse incrementabili prelevandole, come le prime dotazioni, dai fondi dormienti "in favore di risparmiatori che hanno subito un danno ingiusto, riconosciuto con sentenza del giudice o con pronuncia degli arbitri in ragione della violazione degli obblighi di - informazione, - diligenza, - correttezza e trasparenza": cioè la gran parte dei circa 210.000 soci delle due banche venete (oltre che di quelli delle 4 banche risolte a cui pure la legge si applica) che in un anno qualunque hanno sottoscritto o acquistato e/o ereditato e/o non venduto (inclusi quelli che hanno aderito all'Opt di cui va solo defalcata la quota incassata). Ovviamente sulla base del danno subito: prezzo di sottoscrizione/acquisto più rivalutazione e interessi...

Hanno discusso oggi con me di questo nuovo successo (nel video che a breve pubblicheremo qui) l'avv. Franco Conte, presidente di Codacons Veneto e uno dei leader del Coordinamento Risparmio Tradito, e Simone Bassotto, socio che ha perso 130.000 euro in azioni BPVi, che ha incassato la transazione, che rappresenta il Comitato Nazionale Soci BPVi e che è uscito con Francesco Celotto dall'Associazione Soci Banche Popolari Venete, che è, comunque, la prima e per ora unica del gruppo don Torta ad accettare il nostro invito (sarà da noi la prossima settimana con altri ospiti) a discutere apertamente, non nel chiuso delle congreghe e magari con un nuovo spirito di collaborazione per il bene comune dei soci risparmiatori e obbligazionisti delle banche.

Per affrontare la discussione e l'informazione sui dettagli e sulle prospettive dell'applicazione della 205, per la cui attuazione reale e in tempi più stretti del 31 gennaio fissato nel Milleproroghe come termine ultimo per il decreto attuativo, lo hanno detto entrambi, è, però, opportuno vigilare e pressare il più possibile il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, i due ospiti hanno preso lo spunto dalla svolta dicui all'articolo de Il Fatto Quotidiano che qui riproponiamo. 

 

Zaggia, Cavallari, Conte, Miatello, VaninVERSO IL DEF
Manovra, arriva il collegato banche: 600 mln ai truffati
ETRURIA & C. - PALAZZO CHIGI VUOLE QUINTUPLICARE LE RISORSE PER LE VITTIME DEI CRAC. SCONTRO CON TRIA SUL RICORSO ALL'INDEBITAMENTO 

La novità è rilevante, vista la delicatezza della materia e i guai che ha causato al precedente governo. L'esecutivo gialloverde studia un decreto "collegato" alla manovra dedicato alle banche (nella foto la delegazione delle Associazioni Unite per il Fondo ricevuta alla Camera dei Deputati dai vari gruppi il 12 settembre scorso, ndr). O meglio ai "truffati" dagli istituti di credito, le migliaia di risparmiatori tosati dalla "risoluzione" di Banca Etruria & Co. e delle Popolari venete (Banca Popolare di Vicenza e Veneto Banca, ndr). L'indicazione dovrebbe arrivare nella nota di aggiornamento al Documento di economia e finanza (DEF) che il governo approverà giovedì e su cui ancora non ha trovato la quadra sul deficit. 

L'obiettivo è potersi presentare subito con un provvedimento dal forte impatto pubblico. Il progetto, a cui lavora il sottosegretario all'Economia Alessio Villarosa (M5s), prevede di quintuplicare le risorse per il fondo di ristoro per azionisti e obbligazionisti delle banche finite in dissesto. Fondo istituito dal governo Gentiloni. Ora il fondo ha a disposizione solo 100 milioni, 25 l'anno dal 2019 al 2021, attingendo ai cosiddetti "fondi dormienti", cioè i depositi di denaro, libretti di risparmio, conti correnti etc. che non vengono toccati da 10 anni (trascorsi altri 10 possono essere presi dallo Stato). In realtà quel fondo è molto più capiente. Secondo i dati consegnati a Villarosa, ad agosto "cifrava" a 1,544 miliardi. Di questi, 500 sono già usabili perché andati in prescrizione, cifra che salirebbe a 650 nel 2019 e di circa 100 milioni ogni anno per i prossimi 10 anni. L'idea è collegare alla manovra un decreto che alza il fondo di 600 milioni già nel 2019, con le risorse che salirebbero nel triennio. Fondo, peraltro, mai partito perché il governo Gentiloni s'è scordato di approvare il decreto attuativo con i criteri di ammissione.

Finora solo gli obbligazionisti di Banca Etruria, Marche, CariFe e CariChieti oltreché di Pop Vicenza e Veneto Banca hanno potuto ottenere, non tutti e solo per l'80% della cifra persa, il rimborso al fondo di solidarietà, alimentato dal settore bancario. Finora sono stati rimborsati 15.443 obbligazionisti (su 16mila richieste). Una parte dei bondisti si è rivolta all'arbitrato Anac per riavere l'intera cifra persa (finora sono stati liquidati 15 milioni a 419 risparmiatori, su 1.700 che si sono rivolti all'Autorità anticorruzione). Dalla partita sono rimasti fuori tutti gli azionisti, parliamo di oltre 100 mila persone, al netto di quelli delle popolari venete che hanno chiuso i contenziosi accettando l'offerta forfettaria avanzata dagli istituti, che hanno perso una cifra intorno ai 4 miliardi.

Anche per loro il governo Gentiloni aveva messo a disposizione solo 25 milioni l'anno per 3 anni. Salvo sorprese, il collegato banche dovrebbe alzare la cifra a 600 milioni. Tra gli obiettivi c'è anche quello di semplificare i criteri di accesso eliminando l'onere della prova per quanti hanno acquistato bond e azioni dopo il 2008, quando è cambiata la normativa a tutela dei risparmiatori. Nel testo potrebbero finire anche altre misure a tutela di famiglie e aziende in difficoltà esposte con gli istituti di credito...

di Carlo Di Foggia, da Il Fatto Quotidiano 


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Domenica 28 Ottobre 2018 alle 22:37 da Kaiser
In Aim, è Gianfranco Vivian il nuovo amministratore unico del gruppo: il video della conferenza stampa di Francesco Rucco

Sabato 27 Ottobre 2018 alle 12:57 da zenocarino
In Aim, è Gianfranco Vivian il nuovo amministratore unico del gruppo: il video della conferenza stampa di Francesco Rucco

Giovedi 11 Ottobre 2018 alle 07:02 da kairos
In Pd e civici di csx della città di Vicenza dicono no a Rucco in Provincia. Dure accuse alla dem Luisetto. Le interviste a Spiller, Marchetti, Colombara e Tosetto: "presi in giro"

Giovedi 2 Agosto 2018 alle 16:26 da PaolaFarina
In Il Clan dei Tamimi: un "racconto diverso" sulla vicenda di Ahed Tamini, l'attivista palestinese diciassettenne appena liberata
Rispondo a Germano Raniero dal mio articolo che, come dice Raniero è monco. Me lo hanno fatto notare in tanti, ma scrivere la storia dei Tamimi bisognerebbe farlo a puntate. Chi come Raniero, cerca giustificazioni nell'asset familiare e nell'ambiente di questa attricetta (già protagonista di un documentario), chi si aggrappa "all'occupazione" (occupazione?) ai lager della Cisgiordania, spesso contrapposti ad alberghi a cinque stelle dove dormono i paraculati delle ONG, chi tollera il terrorismo da ritorsione, sappia che spontaneo o da ritorsione, sempre terrorismo è fa sminuire la figura da pacifista a pacifinto, perché non ci può essere pace costruita su fondamenta di terrorismo. Io sto cercando di evidenziare che la promozione di questa stronzetta viene abilmente sovrapposta all’attività terroristica dei compenti della sua famiglia. Detto questo l'attricette eretta a paladina è contestata anche dai palestinesi, perché non rappresenta un'icona di salvatrice della patria, Ahed è un nuovo simbolo difforme della resistenza palestinese,anche per il suo look occidentale, quasi americanizzato, per la sua fisicità e il suo stile di vita (non porta il velo, tocca i maschi…una vera combattente per la causa palestinese non lo farebbe mai, se io, alla mia età toccassi le palle ai militari israeliani finirei in galera e butterebbero via le chiavi...per via dell’età)… Questi atteggiamenti non rappresentano lo stereotipo della bambina palestinese, quanto una figura mediatica di successo (trovo strano che la maggioranza dei giornalisti non si sia posto questo problema), creata ad arte, per arricchire la famiglia che è stata anche foraggiata da Erdogan con regalie varie….e adesso ditelo a Erdogan...tanto non mi mette in prigione, perché le sue galere sono piene di dissidenti, tra il silenzio di questi pacifisti di basso livello.
Gli altri siti del nostro network