Quotidiano | Rassegna stampa | Categorie: Banche, Politica, Economia&Aziende

Stampa locale ignorante, serva o entrambe? Decidedelo voi leggendo due articoli e vedendo il video integrale dell'assemblea di "Noi che credevamo nella BPVi"

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile) Domenica 5 Febbraio alle 13:54 | 0 commenti

È sicuro e incontestabile che per il disastro della Banca Popolare di Vicenza, non risolto ancora dalle sia pur possenti spalle di... Atlante, abbiano pagato decine di miglaia di azionisti, almeno il 40% dei quali di Vicenza, del Vicentino e del Veneto ed entrati per la loro grandissima maggioranza con dei risparmi in una banca cooperativa per poi ritrovarsi in una S.p.a. con un pezzo di carta, che chiamavano (cattiva) azione i precedenti padroni del vapore scappati con tutta la nave lasciando quì solo il fumo intriso di sogni e progetti bruciati. Per i 62,50 euro che "valevano", dicevano Gianni Zonin e i suoi scudieri, quelle azioni scese, poi, con un minimo di controllo a 10 centesimi, oggi la nuova gestione della BPVi arriva a proporre a 94.000 dei 118.000 azionisti 9 euro.

Questo è di sicuro uno sforzo inconsueto della Banca, che conferma il malfatto passato, ed è anche un cambio di marcia netto, anche se obbligato per ridurre le "litigation", rispetto al passato targato Gianni Zonin e poteri locali, che prendevano dicendo solo di dare, fregature, mentre ora Gianni Mion, Fabrizio Viola e il socio Atlante danno il 15% del maltolto per rendere possibile il recupero nel tempo dei 3.5 miliardi già immessi nelle due ex Popolari che a breve avranno  bisogno di altri miliardi oltre a quelli, a debito, ottenuti con l'emissione di 6.5 miliardi di obbligazioni garantite dallo Stato.

Ma quei  9 euro sono una elemosina per moltissimi, che vedono evaporare, comunque, la gran parte dei risparmi o dei guadagni di una vita, come nell'assemblea organizzata a Vicenza da "Noi che credevamo nella BPVi" (da noi trasmessa in streaming in diretta e ora in differita e da questo articolo disponibile anche qui e su Youtube) hanno detto anche Don Torta e gli associati all'associazione vicentina, ieri informati e sensibilizzati, se pure ce ne fosse ancora bisogno, dal presidente Luigi Ugone e dai suoi più stretti collaboratori, tra cui Daniele Marangoni e, soprattutto dietro le quinte, Mario Zambon, oltre a tanti volontari, tutti bruciati dal crac della ex Popolare vicentina.

Ma se è sicuro che hanno pagato e stanno pagando per il crac decine di migliaia di soci risparmiatori è altrettanto vero che questo è stato reso possibile ed è ancora "gestito" da quel magma puteolento di interessi che giravano e, per quel che ne rimane, girano intorno al sistema di potere zoniniano, denunciato, una sola volta per essere poi mafiosamente silenziato, anche dal vice sindaco di Vicenza nonchè pupillo dell'onnipresente (poltronato) affabultore Achille Variati.

Quel magma si è diramato da Via Btg. Framarin giù giù fino a raggiungere bruciando ogni verità le vicine redazioni dei giornali, in primis quella quotidiana confindustriale, che rispondeva non a caso a Giuseppe Zigliotto, membro del Cda della BPVi dal 2003 e ora indagato col re del vino, così come Roberto Zuccato, che lo aveva preceduto alla presidenza di Confindustria Vicenza prima di essere promosso sempre in Cda della Popolare e alla presidenza di Confindustria Veneto.

Ma il magma che nel recente passato ha "distrutto" le informazioni sulla metastasi finanziaria in atto sostituendole con diaboliche e complici esaltazioni di una banca in utile e sana, distruggendo così i risparmi dei poveri soci che a chi covava quella lava avevano creduto da sempre, ancora ribolle. 

Leggete di sotto i due articoli odierni sul GdV e sul CorVeneto, controllatene i contenuti nel nostro video documento e decidete voi stessi se quello che hanno scritto (tra mille omissioni anche sui nomi dei relatori presenti ma sgraditi ai poteri), in particolare sugli applausi che sarebbero stati decretati alle promesse (e a cos'altro sennò) di Achille Variati, che ieri ha...

Ma no, vedete, ascoltate, leggete e capite da soli se la stampa locale è ignorante (letteralmente), serva o ignorante e serva, una volta almeno di nomi forse più consistenti, imprenditorialmente, di quello di un Luciano Vescovi qualunque, il fondo di una discesa iniziata dal dopo Calearo, e a cui Achille Variati, è innegabile, senza gli Amenduni ma anche e puranche degli Zonin di un tempo, può guardare dall'alto facendo il bello e cattivo tempo, lui che non è potente, una delle bugie che Ugone e i 1.000 e passa presenti non gli hanno perdonato, pur essendo assiso su quattro poltrone...

Capite da soli cari lettori, come da soli, cari soci traditi, dovete decidere cosa fare dell'offerta dei nove euro, un passo in avanti, di sicuro, ma se sufficiente ed equo non può dirlo chi, leggendo i nostri articoli sul crac annunciato della BPVi fin dal 13 agosto 2010 (poi raccolti nel libro best seller "Vicenza. La città sbancata", clicca qui) non ha comprato o sottoscritto azioni o ha provato a venderle quando era ancora possibile...

Il direttore di VicenzaPiu.com

 

L'ASSEMBLEA. Il Centro sport Palladio gremito per il ritrovo dell'associazione dei piccoli azionisti uniti nel rifiuto alla proposta di 9 euro per azione
BpVi, 1.200 soci per dire no all'offerta

di Diego Neri, da Il Giornale di Vicenza
«Riempiremo la banca di cause Vogliamo i nostri soldi, non certo l'elemosina». Accuse a Variati, che replica: «L'istituto va salvato»

I gradoni del Centro sport Palladio gremiti di azionisti arrabbiati

Le gradinate del Centro sport Palladio gremite per dire no alla proposta della Popolare di Vicenza. Ieri, più di 1.200 persone si sono radunate per l'assemblea dell'associazione "Noi che credevamo nella BpVi", per riassumere quanto accaduto finora e per valutare l'offerta di 9 euro ad azione. E gli applausi più convinti sono arrivati quando si è parlato chiaramente di rifiutarla e di promuovere cause civili. «Ogni persona deve valutare la propria situazione economica personale; ma questa offerta, che prevede un ristoro parziale ma tombola, la riteniamo iniqua, immorale e indecente - ha detto il presidente dell'associazione Luigi Ugone -. Con le 94mila lettere inviate agli azionisti la banca verrà riempita di cause: con l'offerta hanno ammesso da soli di avere delle colpe». E ancora: «Così si prende per il cravattino chi è in stato di bisogno. Noi rivogliamo i soldi veri che abbiamo dato alla banca, non l'elemosina». Ugone ha annunciato che l'associazione, che ha raggiunto i 1.400 iscritti, è stata invitata a Roma dal sottosegretario dell'Economia Pier Paolo Baretta; e ha spiegato di aver sporto denuncia in questura per alcune telefonate minatorie volte a far saltare l'assemblea, alla quale sono arrivate molte più persone del previsto. Con a fianco, fra gli altri, don Torta, Ugone ne ha avute per tutti, a partire dal procuratore Cappelleri, passando per Francesco Iorio («azione di responsabilità anche per lui») e il vescovo Pizziol («faccia chiarezza sui debiti del Baronio»), e finendo col sindaco Achille Variati, che ha risposto all'invito e che ieri era presente. «Con la Cassa depositi e prestiti ha finanziato il fondo Atlante, invece di salvare i risparmiatori». Variati ha replicato: «Vanno tutelati gli interessi di tutti, azionisti, imprese e dipendenti, altrimenti non si salva la banca e i soldi di Atlante saranno stati buttati. Certo, il cda di BpVi potrebbe fare uno sforzo in più e creare un fondo per ristorare chi ha perso tutto e si trova in grande difficoltà. Quando la Cassa depositi e prestiti ha stanziato 500 milioni di euro io non ne facevo parte. Ma, sempre prendere un euro per questo incarico, ribadisco che le mie relazioni sono a disposizione del territorio».

 

Bpvi, no di 1.200 soci alle conciliazioni «Un'elemosina i 9 euro per azione»

di Andrea Alba, da Il Corriere del Veneto
Proprio non vogliono quella che definiscono un'«elemosina». Anzi, sono convinti che la Popolare di Vicenza, proponendo loro i 9 euro ad azione, abbia compiuto un passo falso. «Di fatto l'istituto ammette di essere in colpa, aprendo la porta alle cause». Ieri i rappresentanti di «Noi che credevamo nella Bpvi» hanno sfoderato gli artigli: a condividere la posizione dell'associazione, o perlomeno a volerne ascoltare le ragioni, sono giunti almeno 1.200 soci azionisti da Veneto e da fuori regione. Tanti, infatti, sono coloro che hanno riempito gradinate e corridoi del Centro Sport Palladio, alla periferia di Vicenza, per un convegno sul tema.

In queste settimane, sul tavolo di 94 mila soci dell'istituto che hanno acquistato azioni dopo il 2007 c'è appunto la proposta di conciliazione presentata dalla banca: 9 euro esentasse a quota, con l'accordo che il socio rinunci definitivamente a future azioni legali. «Conviene aderire? Non posso dirlo, perché ogni persona deve valutare la propria situazione economica e necessità. Ma noi riteniamo quest'offerta indegna e indecorosa - ha dichiarato ieri, fra gli applausi, il presidente dell'associazione, Luigi Ugone -. Non solo, con le 94 mila lettere inviate la banca verrà travolta dalle azioni legali: sanno di avere torto, l'hanno ammesso, ora avranno la guerra. Noi chiediamo più soldi: ma dovrebbero sborsarli direttamente Gianni Zonin, Samuele Sorato e tutti quelli che riteniamo responsabili. Anche Banca d'Italia e Consob, se non hanno vigilato». Che quell'offerta, per tanti soci, sia ritenuta quasi un «anatema» lo dimostrano anche gli applausi scroscianti ricevuti dal sacerdote veneziano don Enrico Torta, coordinatore degli azionisti arrabbiati veneziani-trevigiani. Don Torta ha invitato i presenti a «non accettare l'elemosina, pretendete giustizia. Siate uniti, se sarete migliaia anche i politici dovranno ascoltarvi». Per l'avvocato Andrea Arman, alla guida di un'associazione di soci trevigiani, quella della banca è una proposta addirittura «molesta, anche visto il livello di insistenza con cui ci stressano per farci firmare: chiamate ed e-mail arrivano a cadenza quotidiana. Per quanto ci riguarda abbiamo detto subito di no. E quella transazione presenta molti aspetti di nullità» ha dichiarato il legale dal palco. Presente fra i relatori, anche il sindaco vicentino Achille Variati ha preso posizione. Concordando che con la conciliazione si può fare meglio: «Per azioni che oggi non valgono niente, cominciare ad offrire 9 euro è andare nella direzione giusta - ha premesso il primo cittadino -. Tuttavia penso che la proposta possa essere ulteriormente integrata».

Incalzato da Ugone, anche per il suo ruolo di consigliere in Cassa Depositi e Prestiti, Variati ha riscosso qualche applauso dai soci arrabbiati promettendo di «mettere a disposizione, anche in quel tavolo, le mie relazioni per difendere la mia terra. Se c'è un aspetto che non ha funzionato, in questa vicenda, è che troppe decisioni sono state prese in poche stanze. Chiederò che prima di decidere si ascoltino anche le tesi delle associazioni, compresa la contrarietà alla fusione fra Popolare di Vicenza e Veneto Banca». Seduto a fianco, il consigliere regionale leghista Alessandro Montagnoli - dopo aver portato i saluti di Luca Zaia (con fischi dal pubblico) - ha lamentato come «Bpvi sia l'unico istituto che non si è presentato alla convocazione della commissione d'inchiesta regionale, istituita appositamente». Per il resto, la mattinata è trascorsa con la ricostruzione dell'accaduto, fino ad oggi. Con fulmini verso l'ex ad Francesco Iorio - paragonato da Ugone a «Schettino. Alla prossima assemblea urleremo per un'azione di responsabilità verso di lui» - ma anche con annunci di prossimi interventi dell'associazione. A partire da un incontro programmato il 14 febbraio con il sottosegretario all'Economia Pierpaolo Baretta: «Andremo da lui con una folta delegazione, e non certo con dei mazzi di fiori in mano», avverte Ugone.

Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.

ViPiù Top News
Commenti degli utenti

Sabato 18 Febbraio alle 00:44 da lucas
In Pfas, per la Miteni parla il prof. Angelo Moretto. Per le Istituzioni tutti parlano ma nessuno decide
A seguito del grave inquinamento da PFAS delle acque, riscontrato già da 2-3 anni tra la Provincia di Verona e Vicenza, con origine a Trissino, vorrei fare queste riflessioni: l’inquinamento sta avvenendo da molto tempo, probabilmente da quando esiste la fabbrica MITENI (1965), che tuttora continua a scaricare nei torrenti!!
Nonostante le affermazioni rassicuranti del rappresentante sanitario della MITENI è prevista la spesa di 320 milioni di euro di soldi pubblici per i nuovi depuratori (funzionanti forse tra 5 anni!!!) per bloccare il fluoro dei PFAS (articolo Arena del 17.02.2017).
La stessa fabbrica, quando era proprietà Marzotto, aveva spedito fusti di veleni (peci fluorate) in Nigeria (del fatto esiste un dossier parlamentare).
Non ci si può sentire tranquilli solo perché pensiamo di essere lontani; vista la vastità dei terreni agricoli interessati (circa 300.000 persone), questo inquinamento già da molto è entrato nella catena alimentare attraverso l’acqua (con valori sino a 50÷100 volte il limite stabilito negli USA) che viene usata per i prodotti agricoli (verdure, mele, pere, uova, etc.) che finiscono nei supermercati di Verona e Vicenza oltre che essere utilizzata anche per uso potabile nel veronese!!!
Purtroppo credo che questo gravissimo inquinamento sia solo la punta dell’isberg di una storia molto peggiore.
L’elemento chimico essenziale dei PFAS è il FLUORO; l’Azienda MITENI (MITSUBISHI + ENI) che da decenni sta inquinando la zona, “è un punto di riferimento nell’industria per la chimica del fluoro e i prodotti intermedi per l’agricoltura e la farmaceutica” (come recita la stessa Azienda nel suo Sito ufficiale).
Il FLUORO viene utilizzato in moltissimi campi; prodotti chimici, in agricoltura, in farmaceutica, nell’abbigliamento, nelle pentole in teflon per la cucina, etc.
Il FLUORO è un elemento molto instabile e aggressivo che viene utilizzato per potenziare le altre sostanze chimiche, farmaci inclusi, avendo la caratteristica di passare facilmente le nostre barriere organiche. Nel passato costituiva un rifiuto tossico industriale pericoloso, scarto derivato dal processo di estrazione dell’alluminio e dalla produzione di uranio arricchito per l’industria nucleare e le bombe nucleari; oggi è anche lo scarto della produzione di fertilizzanti chimici per l’agricoltura.
Da questi processi industriali rimangono grandi quantità di rifiuti tossici di FLUORO, costose e difficili da smaltire.
Il FLUORO si potrebbe definire il veleno dei veleni; i nazisti lo somministravano ai prigionieri lager per instupidirli (danneggiando il loro cervello) e poterli controllare; era usato come arma di guerra letale (gas nervini) e altre nefandezze; veniva usato come veleno per topi e scarafaggi; ha effetti negativi come gas serra; è stato un elemento strategico per la produzione delle prime bombe atomiche; etc. etc.
Importanti industrie chimiche del dopo guerra fecero scarcerare i chimici che avevano aiutato Hitler (espertissimi di fluoro e altri agenti chimici sperimentati sui detenuti dei campi di concentramento); successivamente convinsero alcuni governi che il fluoro fosse un presidio sanitario (per i denti/falso) ed iniziò una strategia di fluorizzazione delle acque potabili e di distribuzione del fluoro, trasformando un rifiuto tossico in una ricchezza!!! Tuttora oggi viene aggiunto FLUORO agli acquedotti di una buona parte del mondo. Poi la stessa industria ha progressivamente introdotto il fluoro nella vita quotidiana delle persone; lo si trova in moltissimi prodotti e incredibilmente viene anche prescritto ai bambini dai pediatri!!!
Il limite massimo consigliato dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) è di 1.5 milligrammi/litro.
La dose letale per ingestione di fluoro è 16 mg/kg corporeo; per un bambino di 10 kg è pari a 160÷200 mg, per un adulto è pari a 1.500÷5.000 mg (= 5 gr) (dati dichiarati da Siti favorevoli alla fluoriprofilassi.it e fonte Zymafluor). Per intossicazioni croniche i valori sono molto più bassi, vicini a 1 mg/giorno e anche meno.
Per dare un’idea, la dose letale per ingestione di cianuro è 10 mg/kg, di arsenico è 45 mg/kg, di DDT è 45 mg/kg (fonte Ministero della Salute – 2011).
Il FLUORO si trova abbondantemente nei dentifrici delle marche più note e negli integratori di fluoro. Una scatola di integratori “Zymafluor compresse da 1 mg” contiene 100 mg di fluoro; un tubetto di dentifricio “paradontax” della GLAXO-farmaceutica contiene 1.400 ppm di fluoruro pari a 105 mg, dose di fluoro vicina alla dose mortale per un bambino (comunque state tranquilli …. sebbene la confezione non riporti il simbolo del teschio c’è scritto in molto piccolo “minimimizzare l’ingerimento e sputare e non adatto ai bambini”).
Gli stessi Siti pro fluorizzazione invitano a fluorizzare le mamme incinte (con pillole da 1 mg/giorno) già dal sesto mese per poi continuare sul bambino sino all’undicesimo anno di età ma informano anche sulla dose letale e di intossicazione cronica (Fluorite dentaria).
Il problema è che l’avvelenamento cronico da fluoro è subdolo; i sintomi si evidenziano dopo anni/decenni indebolendo il sistema immunitario e provocando le peggiori malattie; in particolare viene colpito il cervello, il sistema neurologico e le ossa. La fluorite (degenerazione dei denti) non è solo un difetto estetico dei denti ma è indicativa di un’intossicazione cronica avanzata da fluoro ben più grave.
Credo che dietro al FLUORO vi sia molto peggio che sbadataggini, ignoranza o errori di valutazione medica.
La storiella fantascientifica raccontata nel film “Batman e il Jocker” dove il cattivo avvelenava l’acqua degli acquedotti per ricavare potere e profitti illimitati, purtroppo appare drammaticamente vera.
Fantascienza !?!? a voi informarvi per valutare e battervi per la vostra salute e quella dei vostri cari …..

Venerdi 3 Febbraio alle 20:55 da Kaiser
In Su VicenzaPiu.tv repliche dell'assemblea dei soci BPVi
Gli altri siti del nostro network