Quotidiano | Categorie: Politica

Jacopo Bulgarini D'Elci, i quattro obiettivi per la sicurezza: maggiori controlli del territorio, più presenza Istituzioni, più tecnologia e meno conflitti sociali

Di Redazione VicenzaPiù Venerdi 10 Novembre 2017 alle 11:20 | 0 commenti

Aumento del controllo e del presidio del territorio, presenza maggiore e percepibile delle istituzioni nei quartieri, attivazione di strumenti che possano aiutare a prevenire illeciti e reati, riduzione della conflittualità sociale con le comunità straniere. Questi i propositi definiti ieri in conferenza stampa dal candidato alle primarie del 3 dicembre.

Si è tenuta ieri nella sede di Vicenza Domani la prima delle conferenze stampa tematiche del candidato alle primarie del 3 dicembre (qui il nostro video integrale anticipato ieri, che oggi riproponiamo insieme a questa nota uficiale, ndr), Jacopo Bulgarini D'Elci. Sul tavolo il tema della sicurezza, definita "una priorità", e per la quale Bulgarini D'Elci individua quattro obiettivi fondamentali.

Queste le sue parole:

"La sicurezza urbana - afferma Bulgarini D'Elci - è una delle grandi priorità per immaginare la città del futuro: allo stesso livello della sicurezza ambientale, una vera emergenza di cui ci dovremmo occupare di più, e di quella sociale ed economica. Chi la proclama una priorità deve, coerentemente, proporre soluzioni innovative e concrete che non si limitino a citarla come campo importante o a invocare soluzioni corrette ma ovvie e per molti versi insufficienti come l'aumento di organico della Questura.

Io individuo quattro obiettivi: l'aumento del controllo e del presidio del territorio; una presenza maggiore e percepibile delle istituzioni nei quartieri; l'attivazione di strumenti che possano aiutare a prevenire illeciti e reati, perché la deterrenza è meglio della repressione; la riduzione della conflittualità sociale che può ingenerarsi con le comunità straniere, in particolare con gli arrivi più recenti e drammatici dei profughi.

Per raggiungere questi obiettivi propongo tre strumenti operativi e un cambio di paradigma.

Il primo strumento è l'istituzione del "vigile di quartiere", cioè l'individuazione di specifiche unità che operino prevalentemente in un determinato contesto territoriale: così da costruire un legame positivo tra i quartieri e il "loro" referente della polizia locale.

Il secondo è l'uso di tecnologia che già esiste per migliorare strumenti di cui già siamo dotati: le telecamere. Che oggi sono "stupide", perché si limitano a registrare quanto accade. E che possono essere rese intelligenti grazie a software (ce ne sono in uso nel mondo privato, e fuori dall'Italia anche in contesti istituzionali) che le rendano capaci di riconoscere in tempo reale comportamenti anomali, inviando un allarme a un operatore umano in centrale. Il loro campo di utilizzo è anche quello dell'anti-terrorismo, oggi particolarmente significativo. La loro utilità è nel controllo del territorio ma anche nella dissuasione.

Il terzo strumento è l'uso di mediatori stranieri, con lo scopo di ridurre le conflittualità con quelle parti di cittadinanza extracomunitaria che faticano a integrarsi. Questa mediazione può essere utile sia in contesti legati a fenomeni micro-criminali sia nella semplice riduzione di tensioni dovute a incomprensioni culturali o differenza di costumi e di abitudini. Un buon esempio di applicazione è campo Marzo, dove la presenza e l'intervento di mediatori stranieri addestrati può aiutare a ridurre i problemi.

Il cambio di paradigma che dobbiamo invece adottare è quello di un atteggiamento nuovo e più deciso, meno rinunciatario, su temi come questi: che sono ovviamente complessi e le cui soluzioni dipendono in larga parte dalla collaborazione con Questura e Prefettura, ma che possono vedere un apporto più incisivo da parte comunale. "Intransigenza" è la parola che pongo al centro della riflessione: intransigenza anche verso noi stessi, nel pretendere e garantire il rispetto scrupoloso delle regole, e ovviamente verso coloro che accogliamo e ospitiamo. Accanto ai diritti, è tempo di aprire una nuova stagione di doveri".


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.





Commenti degli utenti

Domenica 31 Dicembre 2017 alle 18:32 da kairos
In Federico Formisano lascia il consiglio comunale di Vicenza dopo 20 anni: sono del PD e farò formazione dei giovani

Venerdi 22 Dicembre 2017 alle 17:21 da kairos
In Le RSU dei dipendenti comunali dopo le dichiarazioni antisindacali dal sindaco di Vicenza Achille Variati: i cittadini sono dalla nostra parte

Giovedi 7 Dicembre 2017 alle 17:43 da kairos
In Achille Variati costretto a rinviare la cessione frettolosa al fondo di Investire sgr di immobili di pregio accusa i contrari di "provincialismo". La replica di Francesco Rucco: "meglio provinciali e modesti, che incoscienti"
Gli altri siti del nostro network