Quotidiano | Categorie: Politica, Economia&Aziende

Ristoro a vittime BPVi, Veneto Banca & c., Paragone (M5S) in video, Fraccaro all'Ansa e Villarosa al lavoro: happy end al senato?

Di Giovanni Coviello (Direttore responsabile VicenzaPiù) Lunedi 3 Dicembre 2018 alle 21:26 | 0 commenti

A volte bisogna saper ascoltare quello che non viene detto. E per le vittime di Banca Popolare di Vicenza, di Veneto Banca, delle quattro banche risolte e, forse, delle altre quattro piccole popolari o crediti cooperativi messi in Lca insieme alle venete quanto non detto dal senatore pentastellato Gianluigi Paragone in un video da lui postato su Fb e qui da noi riproposto significa che bisognerà aspettare il passaggio in Senato per le modalità di erogazione del miliardo e mezzo, forse anche due e mezzo, che i 5 Stelle in primis hanno promesso alle vittime di quelle banche (sarà un fatto storico, quando si realizzerà, che vengano ristorati risparmiatori azionisti e per giunta di banche...). 

Quello che non dice Paragone (che poi sono le questioni aperte, cioè quale sarà il valore unitario del ristoro per azione, quale sarà, se ci sarà, il tetto, per lo meno iniziale, dell'importo del, forse, acconto del 30% sul dovuto e fissato da una qualche decisione) è chiaro da quello che dice Paragone: "Nessuno scudo per Consob e Bankitalia e nessun passaggio dall'arbitro Consob per vedersi riconoscere i risarcimenti. Sul tema dei risparmiatori truffati noi le promesse le manteniamo, grazie al lavoro del nostro vicepremier Luigi Di Maio e del nostro sottosegretario all'economia Alessio Villarosa". 

Se Pierantonio Zanettin dovrà trasformare in odg il suo emendamento per azzerare il patto quota lite, anche da noi auspicato per ridurre i costi legali, bene, però, per le conferme date alle speranze dei risparmiatori ma le speranze devono aspettare la conferma dell'ufficialità fino a quando l'articolo 38 del capo III della legge di bilancio, consistente evoluzione dell'impalcatura della legge 205 approvata il 27 dicembre del 2017, non arriverà al Senato dopo che, salvo l'importante cancellazione dell'impossibilità di far causaalla Camera arriverà così come era stato preannunciato.

E per averne conferma questa volta basta leggere quello che ha scritto l'Ansa: se il ministro dei rapporti col parlamento Riccardo Fraccaro (M5S) conferma che nella legge di bilancio è stato inserito un emendamento che consentirà ai cittadini truffati di fare causa agli istituti di credito anche se otterranno il risarcimento sarà in Senato che il M5S manterrà a  pieno le sue promesse presentando "le altre norme per una riforma organica della questione, dando risposta alle istanze dei cittadini vittime delle banche e delle commistioni malsane con la politica". 

Perché allora i due esponenti di governo hanno esternato oggi quello che appare un rinvio?

Semplice, secondo noi, perché se Alessio Villarosa sta lavorando da tempo per le vittime di BPVi, Veneto Banca & c., beccandosi anche le frecciate, questa volta, fuori mira delle Iene, ma Matteo Salvini si era presa la ribalta in occasione dell'incontro al Mef del 27 novembre, a cui aveva presenziato da... "capitano" per 5 minuti, grazie al rumore mediatico della minoranza delle associazioni che sta rendendo difficile la finalizzazione del fondo, oggi il video di Paragone, non a caso un giornalista televisivo, e le dichiarazioni all'Ansa di Fraccaro, non a caso il ministro dei rapporti col Parlamento, hanno per lo meno rimesso al centro della scena e delle attenzioni dei risparmiatori chi su quel fondo si è giocata buona parte della sua credibilità: il M5S e Villarosa.  


Commenti

Ancora nessun commento.
Aggiungi commento

Accedi per inserire un commento

Se sei registrato effettua l'accesso prima di scrivere il tuo commento. Se non sei ancora registrato puoi farlo subito qui, è gratis.



ViPiù Top News


Commenti degli utenti

Domenica 28 Ottobre 2018 alle 22:37 da Kaiser
In Aim, è Gianfranco Vivian il nuovo amministratore unico del gruppo: il video della conferenza stampa di Francesco Rucco

Sabato 27 Ottobre 2018 alle 12:57 da zenocarino
In Aim, è Gianfranco Vivian il nuovo amministratore unico del gruppo: il video della conferenza stampa di Francesco Rucco

Giovedi 11 Ottobre 2018 alle 07:02 da kairos
In Pd e civici di csx della città di Vicenza dicono no a Rucco in Provincia. Dure accuse alla dem Luisetto. Le interviste a Spiller, Marchetti, Colombara e Tosetto: "presi in giro"

Giovedi 2 Agosto 2018 alle 16:26 da PaolaFarina
In Il Clan dei Tamimi: un "racconto diverso" sulla vicenda di Ahed Tamini, l'attivista palestinese diciassettenne appena liberata
Rispondo a Germano Raniero dal mio articolo che, come dice Raniero è monco. Me lo hanno fatto notare in tanti, ma scrivere la storia dei Tamimi bisognerebbe farlo a puntate. Chi come Raniero, cerca giustificazioni nell'asset familiare e nell'ambiente di questa attricetta (già protagonista di un documentario), chi si aggrappa "all'occupazione" (occupazione?) ai lager della Cisgiordania, spesso contrapposti ad alberghi a cinque stelle dove dormono i paraculati delle ONG, chi tollera il terrorismo da ritorsione, sappia che spontaneo o da ritorsione, sempre terrorismo è fa sminuire la figura da pacifista a pacifinto, perché non ci può essere pace costruita su fondamenta di terrorismo. Io sto cercando di evidenziare che la promozione di questa stronzetta viene abilmente sovrapposta all’attività terroristica dei compenti della sua famiglia. Detto questo l'attricette eretta a paladina è contestata anche dai palestinesi, perché non rappresenta un'icona di salvatrice della patria, Ahed è un nuovo simbolo difforme della resistenza palestinese,anche per il suo look occidentale, quasi americanizzato, per la sua fisicità e il suo stile di vita (non porta il velo, tocca i maschi…una vera combattente per la causa palestinese non lo farebbe mai, se io, alla mia età toccassi le palle ai militari israeliani finirei in galera e butterebbero via le chiavi...per via dell’età)… Questi atteggiamenti non rappresentano lo stereotipo della bambina palestinese, quanto una figura mediatica di successo (trovo strano che la maggioranza dei giornalisti non si sia posto questo problema), creata ad arte, per arricchire la famiglia che è stata anche foraggiata da Erdogan con regalie varie….e adesso ditelo a Erdogan...tanto non mi mette in prigione, perché le sue galere sono piene di dissidenti, tra il silenzio di questi pacifisti di basso livello.
Gli altri siti del nostro network